Gradara, alla scoperta di un antico castelloGradara, alla scoperta di un antico castello

Gradara si trova nelle Marche, a metà strada tra Pesaro e Rimini.
È perfetta per una gita in giornata, sia che il vostro hotel si trovi sulla Riviera Romagnola o nella poco distante Riviera Marchigiana.

Venite con me a Gradara, alla scoperta di un antico castello.
Si tratta di un piccolo, adorabile borgo, tutto racchiuso all’interno delle mura originali di un tempo. Entrare a Gradara è come fare un salto indietro nel tempo. Verrete catapultati nella magia di re e principesse, coraggiosi guerrieri e nemici da sconfiggere combattendo fino all’ultimo respiro. In quell’amore eterno e tormentato di Paolo e Francesca, amore che ancora oggi fa sognare, emozionare, stupire e commuovere.

Questa piccola città è perfettamente conservata. Le case, le mura, i palazzi e il castello sono stati tutti ristrutturati per rimanere fedelmente com’erano. Allo stesso tempo però non mancano i bar e i ristoranti e i tanti negozi con i prodotti tipici.
I bambini sono al sicuro perché è tutta zona pedonale, quindi potranno muoversi liberamente. Correre, saltare, salire e scendere fino ad arrivare all’ingresso della Rocca.

Rocca di Gradara: informazioni.

Orari di apertura Rocca di Gradara.

La Rocca di Gradara è aperta dal martedì alla domenica, dalle ore 8.30 alle ore 19.15. Chiusura: lunedì, 25 dicembre e 01 gennaio.

Prezzi Rocca di Gradara.

Ingresso intero € 8.
Ingresso ridotto fino ai 25 anni € 2.

Se ne avete voglia e i vostri bambini sono abbastanza grandi da apprezzarlo, vi consiglio di prenotare una visita guidata alla Rocca. In questo modo potrete non solo ammirare il Castello di Gradara in tutta la sua meraviglia,  ma anche essere accompagnati a scoprire passo dopo passo la tormentata storia d’amore di Paolo e Francesca.
Per informazioni sulle visite guidata potete contattare i seguenti numeri di telefono:

  • +390541964181
  • 340/1436396

Oppure inviare una mail a info@gradara.org oppure drm-mar.roccagradara@beniculturali.it

A me Gradara piace molto, soprattutto in inverno quando è vuota e quasi desolata. I passi solitari risuonano sul selciato, intorno si sente solo il silenzio della campagna marchigiana che è di una bellezza rara. Circondati solo dalla pace e dal cielo grigio che appare come la cornice naturale di questo incantevole borgo. Ma se voi siete dei mondani e preferite visitare Gradara quando si veste a festa, ecco gli eventi che si tengono nella Rocca.

foto11

Eventi estivi alla Rocca.

  • I Giovedì al castello vogliono rievocare l’antica chiusura delle porte del borgo, per l’occasione la Rocca resta aperta anche di sera.
  • Il più famoso, spettacolare e di certo strabiliante evento è l’Assedio al Castello.
    Si tratta di una rievocazione storica, il più fedele possibile, dell’assedio al castello che Gradara dovette subire nel 1446 quando Francesco Sforza provò a conquistare Gradara, difesa da Sigismondo Malatesta.
    Oggi questa rievocazione avviene con grandi spettacoli di musica, teatro, artisti tutti in maschera d’epoca e termina con un meraviglioso spettacolo pirotecnico che vi costringerà a naso all’insù per ammirare lo sfavillio dei fuochi.
    L’evento è la terza settimana di luglio.
  • Il Solstizio al castello, i ristoranti del borgo, tutti i mercoledì di luglio,  propongono gustosi menù a base di prodotti locali.

Eventi invernali alla Rocca.

  • Gradara in inverno si trasforma nel Castello di Natale, dall’Immacolata fino alla Befana la Rocca si anima per festeggiare il Natale. Il gran finale è il giorno dell’Epifania con l’arrivo nel Castello dei Re Magi.
  • Gradara da amare, quando a San Valentino la Rocca si tinge di rosso passione per festeggiare la festa più romantica dell’anno sotto l’egida di Paolo e Francesca.

Vi assicuro che Gradara è adorabile, non ne resterete delusi.

Photo credit: Valentina Gattei

Articolo a cura di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>