Le valli di Vipiteno: un paradiso al confine con l’AustriaLe valli di Vipiteno: un paradiso al confine con l’Austria

Vipiteno è la città più a nord d’Italia. Il suo fascino tirolese e la sua posizione, da tanti anni affascinano i turisti che ormai la scelgono come meta privilegiata per le proprie vacanze in Alto Adige. Ma questa zona cos’ha di tanto speciale?

Beh devi sapere che, tutt’intorno a Vipiteno, ci sono valli splendide e, nella maggior parte dei casi, anche poco note. Non troverai quindi mai grandi affollamenti e potrai goderti la natura in maniera slow, anche assaggiando ottimi piatti tipici. Ecco qualche suggerimento per trascorrere ore meravigliose in un’area tutta da scoprire!

Val Giovo, il gioiello nascosto

Val Giovo
La stupenda Val Giovo

La Val Giovo è il più piccolo dei territori intorno a Vipiteno ed è praticamente un gioiello segreto. Mantiene intatta la sua rigogliosa natura: non troverai infatti grosse strutture, ma prevalentemente masi agricoli. La sua meravigliosa e pittoresca chiesetta è sicuramente tra i luoghi più fotografati di tutto l’Alto Adige!

In quest’angolo di paradiso puoi senz’altro scoprire moltissime passeggiate adatte ai bambini. La più suggestiva è quella che conduce a Bergalm lungo una facile, anche se piuttosto lunga, forestale. Volendo rendere il percorso più avventuroso, si può anche passare dalla fragorosa cascata Gurgl: una piattaforma panoramica infatti permette d’ammirarla in tutta la sua possente bellezza.

Val Ridanna, la più famosa

Val Ridanna
La Val Ridanna è ricchissima di stupende malghe

La Val Ridanna è senz’altro la più famosa delle valli intorno a Vipiteno. E non certo a caso: circondata da altissime vette, per la sua conformazione quasi pianeggiante ha veramente molto da offrire alle famiglie con i bambini.

Da non perdere sicuramente le miniere di Masseria, al termine della strada carrozzabile (in fondo alla valle, quindi): testimoniano l’antico passato estrattivo del territorio e un tour qui emoziona sempre i più piccini. Entreranno in contatto con una realtà davvero singolare e potranno anche portarsi a casa un sasso “raffinato”, ossia ottenuto dal processo di separazione dei metalli dalla roccia sterile. Un souvenir che apprezzeranno parecchio!

Tra le escursioni, non posso non suggerirti quella ad Aglsbodenalm, che prende il via proprio dalle miniere. Si passa attraverso la gola Burkhradklamm e si contemplano le fragorose cascate: un’avventura che appassionerà i più piccoli. E, arrivati alla malga, anche un laghetto ove si pesca: volendo, puoi provare a vedere se riesci a prendere un pesce e, se ce la farai, puoi anche chiedere che ti venga cucinato al momento!

Un’altra escursione assolutamente degna di nota è il giro delle malghe che inizia dal piccolo abitato di Gisse, sopra Ridanna. Si toccano 3 ristori: Wurzeralm, ai piedi del Sasso di Mareta, noto per la sua cava di marmo, Kerschbaumeralm e infine Joggelealm. Quest’ultima è super ruspante e il proprietario delizia i suoi ospiti a suon di fisarmonica: il cibo così sarà ancor più buono!

In caso di brutto tempo non posso che consigliarti di visitare il Castello di Mareta, un palazzo rinascimentale decisamente elegante e interessante. E’ noto per le sue decine e decine di finestre e ideale anche per i bambini.

Val Racines, la bellezza che non ti aspetti

Val Racines
In Val Racines tutto è a portata di bambini

Racines dà il nome a tutta l’area turistica e quindi giustamente ci si aspetta grandi cose. Aspettative tutte naturalmente soddisfatte: il territorio è assolutamente meraviglioso.

Non ti puoi perdere, per cominciare, la deliziosa passeggiata che da Colle (la frazione centrale) conduce sino a Vallettina, ultimo borgo dove termina la carrozzabile. L’itinerario è perlopiù pianeggiante e dura un’oretta e mezza, fattibile tranquillamente anche col passeggino. A metà strada poi, potrai anche provare la strepitosa esperienza barefuss: via calze e scarpe, si cammina su sassetti, roccette, radici, muschio… Per sentire la natura “sotto i piedi”! E si termina con un percorso kneipp nell’acqua di torrente, per ritemprare le estremità e sentirsi quasi volare.

Poi devi assolutamente salire con gli impianti sino alla Bergstation Rinneralm: qui infatti inizia lo stupendo sentiero circolare “Mondo Avventura Montagna”, dedicato ai bambini e con tante installazioni per godersi l’ambiente a tutto tondo. Si passa dalla malga ove conoscere gli animali, si continua nel biotopo, si passa attraverso il rigoglioso bosco, si sale sulla torretta d’avvistamento e, infine, ci si diverte nello stupendo parco giochi. Insomma: decisamente da segnare sul taccuino di viaggio.

Val di Vizze, verso l’Austria

Val di Vizze
Al Passo di Vizze si attraversa il confine a piedi

La Val di Vizze è lunga ben 30 chilometri e, da Vipiteno, conduce sino in Austria attraverso il Passo di Vizze. E’ strepitoso percorrerla in macchina: verdissimi prati si alternano a ruscelli meravigliosi, borghi pittoreschi fanno da contraltare a boschi rigogliosi.

Il mio consiglio è di attraversarla tutta: ad un certo punto, la strada diventerà sterrata, ma tu non preoccuparti e vai avanti. Ti dovrai per forza fermare ad un tornante: infatti vi è un grande divieto di transito e, naturalmente, un parcheggio. Da qui prosegui a piedi su quella che una volta era una carrozzabile transitabile (sino al 2006) ed oggi è inibita al traffico veicolare. Dopo circa 2 ore e 400 metri di dislivello arriverai al Pfitscherjochhaus, il rifugio sulla sommità del passo, contornato da pittoreschi laghetti. Ma la cosa più bella è che potrai fare ancora qualche passo e ritrovarti in Austria: si attraversa infatti a piedi il confine per giungere in Zillertal. Veramente emozionante!

Val di Fleres, un verde incanto

val di Fleres
La bellezza rigogliosa della Val di Fleres

Anche la Val di Fleres non può mancare nel tuo personale palmares di montagna. E’ la più a nord delle laterali della Valle Isarco e prende il via da Gossensass, incuneandosi verso le Alpi dello Stubai, al cospetto del Tribulaun di Fleres.

Qui ti consiglio sicuramente l’escursione a Furtalm, che si trova al limitare del territorio. Si guida sino al parcheggio Holle e poi, anche con passeggino, si cammina per un’oretta abbondante. Quello che troverai è una vera favola: il torrente, le mucche, gli alberi… Ma soprattutto il paesaggio, imponente e magnifico, e la malga: una vera delizia dall’accoglienza super.

Ancora non puoi perderti Allriss Alm, altro ristoro raggiungibile in circa 90 minuti di facile strada forestale. che in inverno, pensa, è una super pista da slittino! Arrivati su, il panorama è magnifico e si mangia anche molto bene.

Articolo a cura di www.babytrekking.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>