A Bolzano coi bambiniA Bolzano coi bambini

Capoluogo dell’ Alto Adige e dell’omonima provincia autonoma, Bolzano è una piccola mecca per le famiglie con bambini. Le brevi distanze all’ interno dell’area pedonale, le piste ciclabili che corrono da un capo all’ altro della città, l’efficienza dei mezzi pubblici e la presenza di tre funivie ne fanno una meta comodamente fruibile anche con bimbi molto piccoli.

Un bel mix di nord e sud

Storico crocevia tra mondo alpino e mediterraneo, punto d’incontro tra nord e sud, Bolzano riflette questa doppia anima in ogni suo angolo. Il centro storico è un piccolo gioiello adagiato in una conca soleggiata a cui fanno da corona spettacolari vette dolomitiche. Piazza Walter ne è il salotto buono, ampia, ariosa, dominata dalla sagoma del Duomo, imponente nelle sue linee gotiche e originale con quel tetto tutto colorato. Bellissima anche la passeggiata dei portici, sotto ai quali si annidano boutique, baretti, covi gastronomici, negozi di tessuti e artigianato tirolesi. Ma la chicca è Piazza Erbe, che ogni giorno ospita un coloratissimo e profumatissimo mercato di frutta e verdura a cui è impossibile resistere, con contorno di negozietti e localini tutti da setacciare.

Giocare lungo il fiume

passeggiata isarco

Per i bambini, un divertimento tira l’altro, le passeggiate sul lungo Isarco sono costellate da parchi gioco con scivoli, altalene, strutture per arrampicare, spazi verdi per correre e scatenarsi in libertà, punti di ristoro e aree per gli amici a quattro zampe.

Museo amico

Anche i musei fanno la loro parte dedicando a bimbi e famiglie visite guidate ed esperienze ludico – creative. A cominciare dal Museo Archeologico dell’Alto Adige ovvero la casa di Otzi, la mummia dell’uomo del Similaun, vecchia ben 4000 anni, trovata da due escursionisti nel 1991 sul Giogo di Tisa, in Val Senales, a 3210 metri di quota. Grazie a un approccio ludico e coinvolgente, i bimbi scoprono com’era la vita quotidiana dell’uomo nell’Età del Rame, ne osservano gli utensili, gli oggetti, gli indumenti e liberano la fantasia sul mondo di questi nostri antenati alpini. Visite guidate per le famiglie al Museo di Scienze Naturali, dove i bambini dai 7 ai 10 anni possono anche trascorrere Una Notte al Museo, sulle tracce di animali e minerali, tra giochi e scoperte entusiasmanti. Si dorme ai piedi del grande acquario marino e la mattina si fa colazione tutti insieme, in attesa di mamme e papà. Visite guidate e laboratori creativi anche al Museion, il museo d’ arte moderna e contemporanea, ospitato in un edificio dalle grandi vetrate trasparenti, dove i piccoli possono dare sfogo a tutta la loro verve creativa ed essere coinvolti in iniziative a tema.

Dal Kinderfestival al Mercatino di Natale

mercatino natale bolzano

 

In una città così family friendly non potevano mancare eventi dedicati ai bambini, come il Kinderfestival di giugno, con il suo ricco cartellone di spettacoli, giochi, laboratori, trucca bimbi, cavalcate in sella ai pony e tante sorprese. O lo stesso Mercatino di Natale, che riempie le strade e le piazze del centro storico di bancarelle piene di dolci e giocattoli, simpatiche incursioni di Babbo Natale, giochi, musica e tanta allegria.

Tre funivie per un salto in paradiso

san ginesio cavalli

A 265 metri sul livello del mare, in una conca circondata da montagne, Bolzano offre in pochi minuti la possibilità di respirare l’aria fine e frizzantina delle Dolomiti, grazie a tre funivie, che conducono tra i boschi e i pascoli verdissimi di San Genesio, del Colle e dell’ Altopiano del Renon. Dall’ altopiano del Monzoccolo, su cui affaccia l’abitato di San Genesio, il colpo d’occhio sul Catinaccio è semplicemente da urlo, così come lo spettacolo del tramonto dall’ altopiano del Salto, quando tutte le vette si tingono di rosso. San Genesio è la patria dei simpatici e docili cavalli di razza Haflingher, disponibili per piacevoli passeggiate, gite in carrozza d’estate e sulla slitta in inverno. La funivia del Renon collega Bolzano a Soprabolzano, da dove è possibile proseguire con il trenino del Renon tra prati verdissimi, masi silenziosi e ambienti da fiaba. Quella del Colle è invece la funivia più vecchia del mondo per il trasporto di persone, realizzata agli inizi del secolo scorso dal genio bolzanino Josef Staffler. Una copia dei vagoncini originali è esposta alla stazione a monte e merita sicuramente una visita.

Un castello tira l’altro

Bolzano è anche terra di castelli, alcuni inglobati nel tessuto urbano, che ne raccontano la storia più autentica e siglano un curioso quanto piacevole itinerario di visita. Si spazia da Castel Mareccio (XIII sec.), a ridosso del centro storico, immerso in un vigneto di pregiate uve Lagrein, con vista incantevole sul Catinaccio-Rosengarten a Castel Roncolo (XIII sec.), detto anche il maniero illustrato, a nord della città, comodamente raggiungibile a piedi con la verde passeggiata del Lungotalvera, oppure in bicicletta con la ciclabile. Appollaiato su uno spuntone roccioso, il castello conserva splendidi affreschi con scene di vita cortese, episodi di caccia, tornei cavallereschi e vita quotidiana. Non mancano scene ispirate alla letteratura, come la saga di Re Artù e i Cavalieri della Tavola Rotonda o la storia di Tristano e Isotta. Un luogo meraviglioso, dove la fantasia dei più piccoli galoppa da un ambiente all’ altro. Da non perdere anche Castel Firmian  (X sec.), ai margini sud-occidentali della città, che ospita il Messner Mountain Museum, il Museo della Montagna creato dal celebre scalatore-esploratore Reinhold Messner.

Bolzano conviene

La Bolzano Bozen Card da’ diritto per tre giorni consecutivi a un ingresso gratuito nei 9 musei cittadini e agli altri 80 dell’ Alto Adige; a partecipare a una visita guidata della città, a un’escursione nei Parchi Naturali altoatesini; all’ utilizzo gratuito dei mezzi pubblici come autobus e funivie. Ai bambini, la locale Azienda di Soggiorno distribuisce gratuitamente il libretto Scopri Bolzano, con un simpatico gioco a quiz.

Articolo a cura di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>