Cosa non perdere in Val Gardena d’invernoCosa non perdere in Val Gardena d’inverno

Quando sentiamo nominare la Val Gardena non possiamo che associarla alle splendide Dolomiti… e alla voglia di montagna!

In Val Gardena d’inverno c’è proprio tutto quello che occorre per trascorrere momenti indimenticabili in famiglia, con una vista che resterà impressa nel cuore. Cime innevate, boschi fiabeschi, tramonti dai colori variopinti e sì, anche l’aria frizzante che sferza il viso.

Andiamo quindi a scoprire assieme cosa non perdere in Val Gardena d’inverno anche senza sciare!

Dove si trova la Val Gardena

La Val Gardena è in Alto Adige, incastonata tra montagne davvero splendide e celeberrime: il Gruppo del Sella la chiude a est, le Odle la dividono alla Val Di Funes a nord mentre Sassolungo e Sassopiatto fanno bella mostra di sé in ogni dove.

La Val Gardena è famosa naturalmente per lo sci.
Si trova all’interno del celeberrimo comprensorio sciistico Sellaronda che la collega con il Veneto (Arabba in Agordino) e il Trentino (Canazei e la Val Di Fassa).
Ma non solo: dalla Val Gardena, sci ai piedi, è semplicissimo arrivare sull’Alpe di Siusi e trovare altre decine e decine di piste per divertirsi, sempre immersi in paesaggi mozzafiato.

La valle è facilmente raggiungibile:  ci vuole solo mezz’oretta dall’uscita dell’Autostrada del Brennero Bolzano Nord per giungere ad Ortisei, il primo centro che s’incontra. Salendo poi verso i passi Sella e Gardena, troviamo Santa Cristina e Selva Val Gardena, paesi pittoreschi che, in inverno, assumono l’aria quasi di presepi.

Val Gardena in Inverno

Le passeggiate invernali in Val Gardena

Se si vuole rimanere lontani dal caos e dalla folla però, la cosa più bella è senz’altro fare una passeggiata in Val Gardena.

La zona offre veramente tantissime possibilità per godersi i panorami quasi in solitudine: chilometri e chilometri di sentieri, battuti e non, per sentirsi tutt’uno con le Dolomiti.
Il Monte Pana, sopra Santa Cristina,  è fonte inesauribile di passeggiate: da qui infatti, a piedi, si giunge proprio sull’Alpe di Siusi. Si sale (in macchina o con l’autobus) direttamente al parcheggio e da qui si possono intraprendere diversi percorsi.

Passeggiate in Val Gardena

I sentieri più semplici su neve battuta, quindi senza l’ausilio di ciaspole, conducono al Rifugio Zallinger in due ore abbondanti oppure a Baita Saltner Schwaige (nei pressi di Saltria) più o meno sempre nel medesimo tempo.
Volendo, si possono fare anche entrambe le passeggiate: perché giunti al Rifugio Zallinger, con lo slittino (che si noleggia direttamente in loco) si può sfrecciare velocissimi sulla pista dedicata sino a raggiungere proprio Saltria! E poi si rientra calcando l’altro sentiero. Ideale per una giornata dedicata al passeggio e al divertimento.

Da Selva Val Gardena partono altre stupende passeggiate. Dalla località Daunei , appena sopra l’abitato e da cui si gode di una vista eccezionale, si sale, sempre su neve battuta, sino al Rifugio Juac (un’oretta scarsa), punto di ristoro anche invernale. Qui la vista sulle Odle è davvero strepitosa.
Sempre da Daunei si raggiunge la famosa Vallunga lungo il bellissimo itinerario della Via Crucis. Qui sono necessarie le ciaspole, giacché la via è tracciata solitamente solo dagli escursionisti. Il percorso è molto semplice (tutto in discesa) ma talvolta è presente del ghiaccio, ragion per cui l’attenzione deve essere massima.

Ma senza voler calcare il sentiero della via Crucis, in Vallunga si arriva anche con i mezzi o in macchina: avrai poi a disposizione chilometri e chilometri di vie per addentrarti in questa deliziosa zona, celeberrima anche per le piste di fondo (che però non si possono calpestare).

Trekking in Val gardena

Le piste di slittino in Val Gardena

Come in tutto l’Alto Adige, anche in Val Gardena la tradizione dello slittino è molto sentita. È un vero spasso per grandi e piccini!

Non hai mai provato lo slittino o conosci solo il bob?
Allora devi assolutamente rimediare.
Costruito in legno e con una seduta in stoffa, è il mezzo di trasporto più antico dell’Alto Adige. Un tempo infatti, per raggiungere il fondovalle dai paesi situati sui versanti, non si usava altro. Ed è tutt’oggi uno sport molto amato: provalo e non te ne pentirai.
L’importante è la sicurezza, prima di tutto: non dimenticare casco. obbligatorio per i bambini ma consigliato anche per i genitori, abbigliamento impermeabile, guanti e scarponi: aggiungi poi la voglia di divertirsi e il gioco è fatto!

La pista di slittino più lunga in Val Gardena e divertente è senz’altro quella che scende dal Resciesa sino ad Ortisei: ben 6 chilometri di adrenalina.

Con la funicolare, direttamente dal centro del paese, guadagnerai lo Chalet Resciesa da dove comincia il circuito che riporterà a valle. Ma se amassi anche fare quattro passi, potresti raggiungere anche il Rifugio Resciesa a circa 40 minuti, con una vista eccezionale.
Dopo una buona mangiata, sarai pronti per lanciarti nella discesa, dal momento che anche qui è presente un tracciato che riporta ad Ortisei e che si congiunge con quello che inizia direttamente dalla stazione di monte degli impianti.

Altre piste di slittino si trovano sull’Alpe di Siusi. Infatti, da Ortisei sale un’ovovia che conduce direttamente ai 2006 metri di Mont Seuc.
Da lì è possibile sfrecciare con lo slittino sino all’Hotel Sonne, circa 150 metri di quota più in basso, godendosi un panorama senza paragoni.

Ancora, come ti abbiamo già raccontato, dal Monte Pana si può raggiungere il Rifugio Zallinger e poi scendere in slittino: qui non abbiamo bisogno di alcun impianto, giacché solo le nostre gambe saranno necessarie.

Lo sci di fondo in Val Gardena

Per gli amanti dello sci di fondo, in Val Gardena ci sono moltissimi anelli e spaziano da quelli per principianti a quelli per veri esperti. Il centro più attrezzato e vasto è proprio in Vallunga, che vanta quasi 20 chilometri di tracciati.

Ma anche quello sul Monte Pana non è da meno: con il collegamento all’Alpe di Siusi, che come abbiamo visto, può essere fatto anche a piedi, supera addirittura i 20 chilometri!

Pure Ortisei offre il suo carosello, ma lo troviamo sull’Alpe di Siusi. Dal centro più conosciuto della Val Gardena infatti partono gli impianti che, in pochissimi minuti, permettono di raggiungere direttamente l’altopiano più vasto d’Europa, con tutti i suoi tracciati. In alternativa, una pista per principianti è presente anche a Passo Pinei, valico che mette in comunicazione con Castelrotto.

Articolo a cura di www.babytrekking.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>