Come conservare i ricordi dell’estateCome conservare i ricordi dell’estate

Cinque attività divertenti (più una) da fare insieme per raccogliere i ricordi dell’estate e portarla con noi ancora per un po’…

Bella, bellissima e sempre troppo breve: l’estate è il periodo più spensierato dell’anno, quello in cui si vivono nuove avventure, si trascorre tempo di qualità insieme, si conoscono luoghi e persone nuove. E così, al ritorno, vorremmo tutti trovare il modo di prolungare la vacanza, prima che i ricordi sbiadiscano.

Una bella idea per tenerci stretta l’estate è realizzare un’attività creativa che racchiuda luoghi, ricordi ed esperienze, per riviverli insieme quando vorremo.

L’album delle foto

Il progetto più semplice e veloce da realizzare per conservare i ricordi dell’estate è il classico album di fotografie. Possiamo farlo alla vecchia maniera, procurandoci un bell’album e incollandovi le foto preferite. Oppure, in modo più veloce, realizzarne uno digitale selezionando uno dei tanti servizi online.

I segreti di un album bello da sfogliare negli anni a venire?

  • La selezione delle foto: non limitiamoci a quelle posate da selfie-master, ma scegliamo gli scatti più spontanei e un po’ buffi che ci ricordano i momenti “veri” delle vacanze passate insieme, non solo le pose davanti al classico monumento.
  • Le didascalie: appena tornati dalle vacanze i ricordi sono freschi, ma tra qualche mese sarà tutto un po’ sfumato. Appuntiamo date, nomi dei paesi e degli amichetti dell’estate, qualche frase epica e la canzone che ha accompagnato il nostro viaggio.
Foto dell'estate

L’albo delle vacanze

Conoscete lo scrapbooking? Il college family, che raccoglie i ricordi dell’estate in un album, è una composizione bellissima fatta con tutti i materiali più significativi dell’estate. Un’impresa divertente che inizia con il primo giorno di vacanza e si completa con la fase finale della realizzazione.

Ai bambini il compito di cacciare e conservare i ricordini dell’estate, dalle cartoline alle brochure, i biglietti dei treni, i menu dei ristoranti, ma anche adesivi trovati, fiori, foglie e altri piccoli tesori da attaccare all’albo o provare a riprodurre con pennarelli o pennelli.

Un progetto da realizzare insieme nel primo fine settimana d’autunno: ci si siede tutti intorno all’albo, selezionando, incollando i ricordi più belli, tra foto, disegnini e piccole meraviglie.

Il barattolino dell’estate

A volte la nostalgia del viaggio è tale che si vorrebbe averlo sempre sotto gli occhi. Ed ecco che un progetto originale è creare un barattolo delle vacanze in cui si raccolgono i vari ricordi dell’estate.

Il barattolo è in vetro, bello grande e al suo interno si può creare un mini diorama delle vacanza. Poi lo si decora con fantasia, magari attaccando una foto o tante conchigliette sul coperchio, senza dimenticare l’etichetta con la data e la destinazione delle vacanze. Lo si espone in bella mostra su una mensolina di casa e lo si apre ogni volta che ci assale la nostalgia!

quaderno delle vacanze

Il carnet de voyage

I taccuini di viaggio, o carnet de voyage, rappresentano la versione più artistica e curata dell’album dell’estate. Attraverso le pagine del carnet si dipana la narrazione, arricchita da annotazioni e schizzi, appunti e acquarelli, ricordi e disegnini, che rievocano il viaggio.
Il carnet è un oggetto bello, da conservare, quindi ci va un quaderno adatto, con una copertina robusta, cartonata o in pelle, e con le pagine spesse.

Qualche idea per arricchire il carnet? Sicuramente una cartina geografica su cui possiamo tracciare il percorso compiuto, e poi le foto più significative di questi mesi, qualche verso di una canzone ascoltata o una frase divertente pronunciata dai bambini.

Come ispirazione prendiamo esempio da due artisti italiani che realizzano bellissimi carnet de voyage: Stefano Faravelli con i suoi preziosi taccuini che raccontano l’Oriente e Silvia Benedet con i suoi meravigliosi diari di viaggio e mappe illustrate.

Perfetti per i bimbi, sono i quaderni dei Ricordi delle Vacanze realizzati da Elena Valli, con le pagine ricordo, per raccontare quello che si è fatto, in cui incollare foto, biglietti, foglie, fiori, o disegnare quello che si è visto e con le pagine gioco per intrattenerli in auto e nel ristorante.

scatola per i ricordi dell'estate

La capsula del tempo

Raccogliamo tutti i ricordi più belli dell’estate, oggettini significativi, foto, disegni e qualche pensiero scritto a mano. Riponiamoli in una scatola della giusta dimensione e robustezza, creando una suggestiva capsula del tempo, da conservare per il futuro.

Una volta riempita la scatola con i ricordi selezionati da tutti i componenti della famiglia, la sigilliamo, idealmente con la ceralacca, per dare il senso di un rituale magico.

Segniamo poi la data di chiusura, quella di apertura e conserviamo la capsula in qualche posto segreto in casa. Saremo capaci di resistere alla tentazione di aprirla prima del tempo?

cucinare in famiglia

Il consiglio in più: la cena dell’estate tutto l’anno

Il più proustiano dei modi di riportare alla memoria i ricordi del passato con un balzo indietro nel tempo è attraverso gli odori e i sapori.

Così, se durante l’estate abbiamo scoperto dei piatti nuovi e squisiti, istituiamo durante tutto l’anno, una volta al mese, la cena delle vacanze, per ritrovare intorno alla tavola gli aromi e il gusto del nostro viaggio. Un’occasione buona per cucinare insieme, sperimentare nuove ricette e concedersi un momento di festa.

E poi scateniamoci in una indiavolata baby-dance al ritmo dei tormentoni dell’estate!

Articolo a cura di www.giovanigenitori.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>