Com’è cambiata la cucina nel 2020: la parola a due Chef di Italy Family HotelsCom’è cambiata la cucina nel 2020: la parola a due Chef di Italy Family Hotels

Da qualche anno il cibo è passato dall’essere semplice nutrimento ad attenta passione. Siamo sempre più consapevoli, quindi più esigenti, tanto da scegliere le vacanze anche in base alla qualità di una proposta gastronomica che sappia spaziare dalla tradizione all’innovazione. In questo gli Italy Family Hotels sono sempre in prima linea, grazie all’interazione fra gli Chef, ad una formazione costante e alla ricerca di materie prime eccellenti, che si traduce in opere d’arte del food! La vacanza negli Italy Family Hotels va incontro ai gusti dei bambini, legati alla semplicità dei sapori, e a quelli dei genitori, alla ricerca di qualcosa di innovativo e diverso. Un matrimonio tra genuinità e curiosità, possibile grazie alla scelta di prodotti di qualità da trasformare senza stravolgere.

I nostri Chef si raccontano.

Abbiamo deciso di dare voce a due Chef che lavorano negli Italy Family Hotels. Vogliamo che siano loro a raccontarti cosa succede in cucina, tra ricerca, studio, spadellamenti, impiattamenti! Fino all’atmosfera che si respira in sala, tra l’attesa e i sorrisi felici di chi sta gustando un piatto capace di parlare all’anima.

Antonio Ietto è lo Chef dell’Hotel Miramonti Gourmet&SPA di Frabosa Soprana, in Piemonte. Un uomo carismatico, di quelli che la cucina ce l’hanno nel DNA. Antonio è stato Sous-Chef all’esclusiva “Antica Osteria del Ponte” a Cassinetta di Lugagnano, ha vissuto a Boston per un anno, dove ha approcciato modi diversi di cucinare e, per 9 anni, ha gestito un ristorante a Mondovì, prima di arrivare nella cucina dell’Hotel Miramonti. Un approdo stimolante per tutti, che ha portato ad una rivoluzione in grado di rispondere con qualità alle nuove esigenze delle famiglie! In questo percorso lo accompagna da sempre la moglie, Giovanna Desio, esperta in pasticceria e panificazione, conosciuta sui “banchi di preparazione”.

 

CHEF ANTONIO E CHEF GIOVANNA

Andrea Ciprietti è lo Chef dell’Hotel Europa Beach Village, di Giulianova. Lui è un uomo appassionato ed energico, che ha fatto del rapporto umano la base della propria crescita professionale! L’amore per la cucina è nata con lui, dato che fin da giovanissimo sapeva per certo che sarebbe stato cuoco. Una determinazione che l’ha portato dai banchi di scuola ad un percorso lavorativo immediato: non solo in ristorante, ma anche alla prestigiosa location abruzzese per matrimoni “Casa de Campo”, a Monte Sant’Angelo. Anzi, la voglia di crescere lo ha condotto in Val d’Aosta, dove per anni ha lavorato in un hotel gourmet, insieme ad un team affiatato. Al punto che, parte di quello staff, lo ha seguito fino in Abruzzo.

CHEF ANDREA E IL SUO STAFF

Come sono cambiati i piatti e le preparazioni nell’estate 2020?

Antonio, Hotel Miramonti Gourmet&SPA.

Questo è un periodo di consolidamento, diverso ma stimolante. Perché adesso è il momento di mettere a frutto il percorso intrapreso negli anni, per creare qualcosa di diverso e migliorare. Siamo noi, solo più attenti e decisi a rendere la vacanza delle famiglie memorabile, anche da un punto di vista gastronomico.

Nel 2020 c’è voglia di stupire con la normalità: grazie alla tecnica, quando le materie prime sono eccellenti si possono creare capolavori senza stravolgere nulla. La cucina al Miramonti è un racconto: narra la tradizione piemontese, quella italiana… e il nostro percorso di vita. Continuiamo a creare menù diversificati, equilibrati, di qualità, senza fermarci al solo prodotto a km0, dato che l’eccellenza è in tutta Italia. Non a caso, anche se siamo in montagna, ci piace proporre piatti a base di pesce.

Andrea, Hotel Europa Beach Village.

Siamo in un momento particolare, che ci spinge a migliorare ogni giorno. La formazione in questo lavoro non deve mai mancare ma, adesso, c’è anche la voglia di creare qualcosa di nuovo pur mantenendo intatta la qualità. Vogliamo dare al cliente sempre di più, stupirlo ma farlo sentire “a casa”. Ricordargli i sapori a cui era abituato, sorprenderlo con nuove proposte. Partiamo sempre da un’attenta ricerca delle materie prime, affidandoci al km0 ma ampliandoci anche alle altre regioni italiane, che “portiamo nel piatto” con preparazioni curate nel dettaglio.

La varietà è fondamentale, così come l’apertura a tutte le culture gastronomiche d’Italia. Vogliamo coccolare i bimbi con cibi genuini, che si avvicinano al loro gusto, schietto e puro. Così come amiamo andare incontro ai genitori, consapevoli del valore del cibo, che desiderano provare nuovi abbinamenti e piatti sempre diversi.

DALLA CUCINA DELL’HOTEL MIRAMONTI GOURMET&SPA

Com’è cambiato il vostro modo di cucinare dopo il lockdown?

Antonio, Hotel Miramonti Gourmet&SPA.

Su una cosa tranquillizziamo tutti: la cucina italiana è sicura. Il nostro approccio è sempre stato diligente, perciò non ci spaventa questa situazione: la qualità e le attenzioni sono le stesse, solo con tanto riguardo in più. Vogliamo utilizzare in positivo ciò che è successo, per fare cambiamenti e dare vita a nuove idee. Abbiamo, ad esempio, pensato di strutturare il ristorante in terrazza come un fast food all’aria aperta, con piatti genuini e ricercati. Il cambiamento, nel massimo rispetto delle norme, non deve preoccupare ma stimolare a migliorare e reinventarsi.

Andrea, Hotel Europa Beach Village.

Dato che siamo da sempre attenti in modo “fiscale” alla sicurezza e all’igiene, non è cambiato il nostro modo di lavorare. Siamo ancora noi, un team in perfetta connessione che lavora ogni giorno in una simbiosi perfetta, solo con in più la mascherina! Tutto il resto c’era già prima. Abbiamo pensato di sfruttare questo momento per “sfornare” qualche idea in più, ad esempio ampliando ulteriormente la scelta gastronomica al buffet servito. In fondo, il segreto è essere propositivi e creativi.

DALLA CUCINA DELL’HOTEL EUROPA BEACH VILLAGE

Come sono cambiati i gusti e le esigenze delle famiglie in vacanza?

Antonio, Hotel Miramonti Gourmet&SPA.

Sono molto più consapevoli. Nel corso degli anni ho visto famiglie cambiare completamente il proprio approccio, acquistando grande presa di coscienza soprattutto sul cibo. Non a caso la cucina è un fattore determinante nella scelta delle vacanze, tanto quanto i servizi family o la SPA. Prima si cercava il buffet carico di cibi, perché contava la quantità. Oggi, al contrario, si cerca la qualità. Ad esempio, quello che per molti è un “semplice aperitivo”, per noi rappresenta uno studio approfondito con il quale arrivare ad un momento che stupisca il cliente. Lo stesso vale per la merenda dei bimbi, che non è solo il pasto fugace del pomeriggio, ma un intermezzo su cui fare tanta ricerca. Non a caso è fondamentale la formazione sia all’interno dell’hotel che fuori, in particolare fare rete con i colleghi dai quali c’è sempre tanto da imparare.

Andrea, Hotel Europa Beach Village.

I clienti oggi sono esigenti, per fortuna! Perché, questa crescita nell’aspettativa, è la ruota motrice che ci spinge a formarci sempre di più e non smettere mai di studiare. In questo è fondamentale anche il contatto con gli altri Chef, con i quali confrontarsi su tecniche e idee. Le famiglie che oggi vanno in vacanza hanno già esperienze di viaggio, per cui cercano qualcosa che li stupisca soprattutto nella qualità. E, senza ricerca, per noi sarebbe impossibile rispondere alle loro necessità. All’inizio non sapevamo come avrebbero reagito le famiglie, dopo l’esperienza vissuta in questi mesi. È stato emozionante vedere il cliente a proprio agio come fosse a casa! Si percepisce un’atmosfera rilassata, perché le mamme e i papà hanno fiducia verso il nostro lavoro, oltre a tanta curiosità per ciò che gli proporremo.

  • Grazie a Chef Antonio Ietto dell’Hotel Miramonti Gourmet&SPA  e a Chef Andrea Ciprietti dell’Hotel Europa Beach Village, per alcune delle immagini gentilmente concesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>