Viaggi in auto con i bimbi: 4 trucchi per tenerli tranquilli!Viaggi in auto con i bimbi: 4 trucchi per tenerli tranquilli!

Arriva il giorno della partenza per le tanto attese vacanze, ma il lungo viaggio in auto può pesare non poco ai vostri bambini che, vittime della noia, non vi lasciano tregua con i soliti : “Quando arriviamo?”, “Quanto manca?”, “Quando facciamo una sosta?”. Ecco allora qualche semplice accorgimento che li può aiutare a distrarsi e divertirsi anche durante il viaggio, con risparmio di stress anche per voi.

 Da non dimenticare prima della partenza

Bambina in seggiolino da viaggio

Mai mettersi in viaggio senza il loro gioco preferito: il pelouche, la bambola, la macchinina, libri e libretti che più li appassionano. Anzi, non c’è miglior cosa che far scegliere al bambino, se non è un bebè, i giochi da portare. Altra idea valida è quella di agganciare dei pannelli porta-tutto al retro schienale dei sedili anteriori (si trovano tranquillamente in commercio), mettendoci dentro fogli da disegno, album da colorare o con attacca-stacca, colori di vario tipo, forbicine per la carta, nastro adesivo e cose del genere, in modo che possano dare sfogo a tutta la loro creatività, esorcizzando la noia. Non dimenticate inoltre qualche snack o una merenda sani, in modo da tenere lontano il nervosismo dovuto alla fame di metà mattina o metà pomeriggio.

Canzoni, storielle e giochi tutti insieme

Fate ascoltare i cd musicali e le canzoni che preferiscono, cantate strofe e ritornelli insieme a loro, un po’ come se si trattasse di un piccolo karaoke a quattro ruote. Raccontate una storiella, qualche indovinello e stimolateli con giochi semplici ma sempre divertenti, come, per esempio, E’ arrivato un bastimento carico di…, che richiede di indovinare il nome di un oggetto, svelandone la lettera iniziale e alcuni indizi. Oppure a chi, lungo il percorso, vede più auto di un certo colore o di un certo tipo (es. camion o fuoristrada): vince chi per primo arriva al numero di traguardo che avrete stabilito. Oppure il gioco del pari o dispari, adatto ai bambini in età scolare, che possono divertirsi scommettendo se il numero finale della targa del veicolo che  precede o ci ha appena superati sia pari o dispari. Se è pari, il punto è di uno dei due sfidanti; se è dispari, è dell’altro. Vince, naturalmente, chi per primo totalizza il numero massimo di punti stabilito. E poi, ci sono gli intramontabili Battaglia Navale, in versione mini da viaggio, e la Morra Cinese, che utilizza i concetti di forbice, carta e sasso, simboleggiandoli con le dita della mano. Il pugno rappresenta il sasso; il palmo aperto, la carta e le dita a V, le forbici. Il sasso batte sempre queste ultime, le quali hanno però la meglio sulla carta che, a sua volta, prevale sul sasso.

Le soste intelligenti

Indovina chi sono

Programmare soste sul percorso con buon senso e razionalità, per esempio, ogni due ore, perché stare troppo a lungo sul seggiolino dell’auto non è salutare per la schiena dei più piccoli e neppure per le gambe dei più grandicelli. I bambini hanno bisogno di sgranchirsi, fare una corsetta, qualche salto; stimolateli e condividete con loro questi piccoli esercizi. Valutate poi se non sia il caso di pranzare in autogrill o in un’area di sosta, in modo che possano giocare un po’ all’ aperto e magari stancarsi, in modo che, alla ripresa del viaggio, venga spontaneo schiacciare un pisolino, con conseguente parentesi tranquilla anche per voi.

Piccoli navigatori e reporter

mappa

Se i bambini sono in età scolare e magari appassionati di geografia, stampate la mappa dell’itinerario o date loro una cartina stradale, chiedendo di controllare il percorso località dopo località o seguire il tutto sul navigatore. Potranno inoltre scattare foto e tenere una specie di diario di viaggio, che ne riassume le tappe e i fatterelli principali. Sarà anche questo un ricordo piacevole della vostra vacanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>