Marche: una vacanza d’altri tempi

Anche gli stranieri, che un tempo investivano sulla costa del Tirreno, si stanno accorgendo di quanto le Marche abbiano da offrire, in termini di varietà paesaggistica. Lontano dal chiasso delle principali località balneari della Romagna ma non abbastanza per scordarsi cosa sia il divertimento, le campagne coltivate e le colline selvagge degradano verso un mare pulitissimo, che lambisce piccoli paesi e spiagge di sabbia o di sassi ancorate alla tradizione delle vacanze di un tempo, quando lettini e sdraio erano un sinonimo di relax. Da Pesaro alla provincia di Ascoli, splendidi borghi, come Osimo o Loreto, sorvegliano dall’alto il lento scorrere delle ore di una vacanza marchigiana.

Cosa fare con i bambini nelle Marche

Casa di bambola

In provincia di Ascoli Piceno, il Museo della Barbie vanta una collezione di oltre 700 varianti della mitica bambola prodotte tra il 1958 e il nuovo millennio. In mostra, anche il primo Ken, con i capelli letteralmente di moquette…

Tra Dame e Cavalieri

Per immergersi nelle atmosfere di castelli, tra dame e cavalieri, non c’è niente di più efficace della Galleria Nazionale delle Marche, un vero e proprio museo nel museo a cielo aperto di Urbino. Allestito all’interno del Palazzo Ducale, è il punto di partenza per un grande viaggio nel tempo.

Un Museo a pedali

A Fabriano, dove si trova anche una struttura dedicata alla carta, il Museo dei mestieri in bicicletta apre alla fantasia le porte di un’epoca lontana, quando le macchine a motore ancora non esistevano e tutti, dal ciabattino al veterinario, attraversavano le campagne a bordo dei loro bizzarri veicoli a pedali.

A tutta scienza

Inaugurato nel 2004, il Museo del Balì di Saltara, a pochi chilometri da Fano, offre la possibilità di avvicinarsi al mondo della scienza in maniera divertente e interattiva. Unica avvertenza: toccare tutto quello che si riesce a raggiungere con le dita.

Un’avventura speleologica

Le Grotte di Frasassi non sono solamente un viaggio nelle cavità più recondite della natura ma una vera e propria avventura, tra laghi sotterranei, stalattiti, stalagmiti e autentiche sale scavate dall’acqua e dal tempo.

Cosa mangiare di buono nelle Marche

Una ricetta di famiglia

Da non confondersi con le lasagne, i vincisgrassi hanno una storia che affonda le radici nell’epoca napoleonica, quando vennero offerti – come racconta la leggenda – al generale austriaco Windisch Graetz, per la sua strenua difesa della città di Ancona. Ogni famiglia conserva una ricetta segreta di questa gustosa pasta al forno su vari strati, condita con parmigiano e svariati tipi di carne.